La Rivista
2019
N° 1 - 2 Gennaio - Giugno 2019
Editoriale
di Ercole P. Pellicanò
Cari Lettori, nel dare il bentornato dalle vacanze estive, premettiamo che, per motivi di carattere organizzativo ed editoriale, questo numero 1 di “Tempo Finanziario” coprirà, eccezionalmente, i primi sei mesi dell’anno.La necessità di concentrare la prima parte del 2019 ha dato l’opportunità di raccogliere numerosi articoli ed interventi, promossi direttamente o indirettamente dalla Testata, che hanno toccato argomenti di grande attualità, economica e politica.
La giornata parlamentare del 5 novembre 2019
05/Novembre/2019
Politica

La legge di bilancio approda in Senato ma è duello nella maggioranza

La legge di bilancio del Governo giallorosso continua la sua marcia trovando più di qualche ostacolo lungo il suo cammino. Dopo la bollinatura della Ragioneria di Stato, e dopo non pochi giorni di attesa, la manovra economica può iniziare il proprio iter di approvazione in Parlamento. Quest'anno sarà il Senato a cominciare l'esame della legge di bilancio. In tanti sono pronti a scommettere che cambierà nelle prossime settimane: nel mirino, infatti, sono finite plastic e sugar tax oltre che la stretta sulle auto aziendali, ma la tensione è destinata a salire anche su possibili ritocchi a Quota 100, al pacchetto famiglia, al capitolo Enti locali, al nodo tax expenditures oltre che al cuneo fiscale.  

Italia Viva di Matteo Renzi ha già annunciato che darà battaglia: secondo la formazione guidata dall'ex Premier, i due miliardi necessari all'operazione si possono recuperare facendo slittare a settembre il taglio del cuneo che, al momento, vale 3 miliardi per il 2020. Ma non si esclude un'altra strada: la cancellazione di Quota 100 anche se su questo il M5S è intenzionato a dare battaglia. Intanto, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, a un incontro con i sindacati, ha difeso la legge di Bilancio e sembra fortemente deciso a contrastare il tentativo di farla passare come la "manovra delle tasse". 

Scontro tra Governo e ArcelorMittal dopo la decisione di ritirarsi dell'affare Ilva

ArcelorMittal lascia l'Italia, rescinde l'accordo per acquisire le acciaierie ex Ilva di Taranto e alcune controllate e chiede ai Commissari straordinari di assumere la responsabilità delle attività e dei dipendenti entro 30 giorni. Oltre al mancato scudo legale e ai provvedimenti del tribunale di Taranto, argomenta ArcelorMittal, anche "altri gravi eventi, indipendenti dalla volontà di ArcelorMittal, hanno contribuito a causare una situazione di incertezza giuridica e operativa che ne ha ulteriormente e significativamente compromesso la capacità di effettuare necessari interventi presso Ilva e di gestire lo stabilimento di Taranto". 

Immediata la reazione del Governo, che ha convocato un vertice d'urgenza a Palazzo Chigi con i ministri interessati alla presenza del Premier Giuseppe Conte. La riunione è stata preceduta da un confronto al ministero dello Sviluppo con Stefano PatuanelliGiuseppe ProvenzanoRoberto SperanzaNunzia CatalfoSergio Costa e rappresentati del Ministero dell'Economia, al termine del quale il Ministro per lo Sviluppo Economico ha fatto sapere che "il Governo non consentirà la chiusura dell'Ilva. Non esistono presupposti giuridici per il recesso del contratto. Convocheremo immediatamente Mittal".

L'Aula del Senato 

L'Aula del Senato tornerà a riunirsi alle 16.30 per l'esame del decreto per il trasferimento di funzioni e la riorganizzazione dei Ministeri. A seguire si confronterà sul decreto, già approvato dalla Camera, sul perimetro di sicurezza nazionale cibernetica e ascolterà le Comunicazioni del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sul disegno di legge di bilancio.

Le Commissioni del Senato

Per quanto riguarda le Commissioni, la Affari Costituzionali concluderà l'esame del decreto per il riordino dei Ministeri e del decreto sul perimetro di sicurezza nazionale cibernetica. La Giustizia esaminerà il ddl sulla magistratura onoraria, il disegno di legge sulla diffamazione a mezzo stampa, il ddl relativo alla lite temeraria e quello sull'omicidio nautico. La Commissione Finanze dibatterà il ddl per la destinazione del 5 per mille a forze di Polizia o Vigili del fuoco. La Lavori Pubblici esaminerà lo schema di contratto di programma tra il Ministero dello sviluppo economico e la società Poste italiane S.p.A per il quinquennio 2020-2024 e sul medesimo Atto ascolterà i rappresentanti dell'autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM). 

La Commissione Agricoltura ascolterà i rappresentanti di Confagricoltura, CIA, Coldiretti e Copagri in relazione all'affare assegnato sulle problematiche del settore agrumicolo in Italia e svolgerà diverse audizioni sull'affare assegnato relativo agli aspetti di mercato e tossicologici della filiera del grano duro. Infine ascolterà i rappresentanti dell'Associazione Organismi Certificazione Ispezione Prove Taratura – CONFORMA sul ddl relativo all'agricoltura con metodo biologico e proseguirà il ciclo di audizioni sull'affare assegnato per limitare i danni causati all'agricoltura dall'eccessiva presenza della fauna selvatica. La Commissione Industria svolgerà diverse audizioni nell'ambito della discussione dell'Affare assegnato sulle ricadute dei sistemi d'incentivazione per la riqualificazione energetica degli edifici sulle filiere produttive di settore. La Lavoro esaminerà l'Atto europeo per una cooperazione rafforzata tra i servizi pubblici per l'impiego (SPI). La Territorio esaminerà gli oltre 300 emendamenti presentanti al cosiddetto decreto clima.

L'Aula della Camera 

L'Assemblea della Camera tornerà a riunirsi alle 11 per la discussione delle interpellanze e interrogazioni. Dalle 14.00 esaminerà la relazione della Giunta per le autorizzazioni sulla domanda di autorizzazione all'utilizzazione d'intercettazioni di conversazioni e comunicazioni nei confronti del senatore Roberto Marti, le questioni pregiudiziali sul decreto fiscale, le mozioni per la riduzione del costo del lavoro, la revisione della spesa pubblica e l'istituzione di una giornata celebrativa in occasione del settimo centenario della morte di Dante Alighieri. A seguire si confronterà su diverse ratifiche di trattati internazionali. Alle 19.00 è prevista l'informativa urgente del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte in relazione ad un asserito conflitto d'interessi connesso a un incarico professionale assunto precedentemente all'incarico di Governo.

Le Commissioni della Camera

La Commissione Affari Costituzionali con la Bilancio svolgerà diverse audizioni sulla proposta di legge per la modifica del Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli Enti locali, lo status e le funzioni degli amministratori locali, e di semplificazione dell'attività amministrativa e di finanza locale. La Finanze svolgerà diverse audizioni sul decreto fiscale e alle 13.00, sul medesimo provvedimento, ascolterà il Ministro dell'economia e delle finanze Roberto Gualtieri. Alle 12.00, la Cultura in sede congiunta con la Istruzione del Senato proseguirà l'audizione del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca Lorenzo Fioramonti sulle linee programmatiche del suo Dicastero. La Commissione Ambiente svolgerà diverse audizioni sul decreto per l'accelerazione e il completamento delle ricostruzioni in corso nei territori colpiti da eventi sismici. 

La Trasporti esaminerà e svolgerà audizioni sullo schema di contratto di programma tra il Ministero dello sviluppo economico e la società Poste italiane S.p.A per il quinquennio 2020-2024. La Commissione Attività produttive proseguirà il ciclo di audizioni sulla risoluzione relativa al settore della distribuzione dei carburanti. La Lavoro svolgerà alcune audizioni sulle pdl relative all'accertamento della rappresentatività delle organizzazioni sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro privati. La Commissione Affari sociali svolgerà una serie di audizioni sul sostegno alla ricerca e alla produzione dei farmaci orfani e alla cura delle malattie rare. L'Agricoltura esaminerà e svolgerà alcune audizioni sulle risoluzioni per la tutela del comparto agroalimentare a fronte dell'aumento dei dazi doganali deliberato dalle autorità statunitensi e riprenderà le audizioni sulle risoluzioni per l'uso agricolo dei prodotti derivati dalla cannabis sativa.

Fonte: NOMOS