La Rivista
2019
N° 1 - 2 Gennaio - Giugno 2019
Editoriale
di Ercole P. Pellicanò
Cari Lettori, nel dare il bentornato dalle vacanze estive, premettiamo che, per motivi di carattere organizzativo ed editoriale, questo numero 1 di “Tempo Finanziario” coprirà, eccezionalmente, i primi sei mesi dell’anno.La necessità di concentrare la prima parte del 2019 ha dato l’opportunità di raccogliere numerosi articoli ed interventi, promossi direttamente o indirettamente dalla Testata, che hanno toccato argomenti di grande attualità, economica e politica.
Vincenzo Sanasi D'Arpe : "Per le costruzioni serve l'intervento di Cdp"
19/Febbraio/2019
Attualità

"Nello scenario di forte crisi che attraversa il settore delle costruzioni di grandi opere, con l'inevitabile impatto sulla crescita economica e sui livelli occupazionali, l'intervento dello Stato, attraverso il coinvolgimento di CDP, appare da accogliere senz'altro con favore, memori di quanto di positivo è stato fatto a suo tempo dall'Iri e, in particolare, della sua capogruppo per le infrastrutture e le grandi opere, Italstat, che determinò tra l'altro la nascita di Autostrade Spa". 

È quanto sostiene il Vincenzo Sanasi D'Arpe, fra i maggiori esperti italiani in materia di amministrazione straordinaria dei grandi gruppi in crisi, commentando le proposteper il salvataggio di Astaldi.

Secondo Sanasi D'Arpe, "bisogna riflettere circa l'opportunità di fondare realmente l'intervento pubblico in economia su una programmazione di lungo periodo, puntando l'attenzione su tutti quei soggetti che sono vocati per eccellenza a generare innovazione, dalle Università, al CNR, all'Enea, alle Infrastrutture, così mettendo a segno precisi obiettivi di crescita economica e occupazionale, come pure intervenendo a correggere gli indirizzi generali di volta in volta non più efficienti".

"Guardando alle soluzioni già adottate in proposito negli Usa, la via più stabile – conclude Sanasi D'Arpe - potrebbe essere quella della costituzione di un'Agenzia per la ricerca e la programmazione pubblica, che possa cooperare con il legislatore assumendo decisioni attuative di indirizzi generali, regolamentando in via sub primaria, vigilando i settori della crescita e dello sviluppo".

Le opinioni espresse nelle news sono a cura della direzione e non coinvolgono assolutamente i membri del comitato scientifico di Tempo Finanziario.