La Rivista
2019
N° 1 - 2 Gennaio - Giugno 2019
Editoriale
di Ercole P. Pellicanò
Cari Lettori, nel dare il bentornato dalle vacanze estive, premettiamo che, per motivi di carattere organizzativo ed editoriale, questo numero 1 di “Tempo Finanziario” coprirà, eccezionalmente, i primi sei mesi dell’anno.La necessità di concentrare la prima parte del 2019 ha dato l’opportunità di raccogliere numerosi articoli ed interventi, promossi direttamente o indirettamente dalla Testata, che hanno toccato argomenti di grande attualità, economica e politica.
LEZIONI CIAMPIANE
11/Luglio/2019
Attualità

La figura di Carlo Azeglio Ciampi, quattordici anni alla guida della Banca D'Italia, dal 1979 con la chiusura del caso Sindona, al 1993, anno della crisi valutaria, è stata ricordata, a Roma, in occasione dell'apertura di un ciclo di "seminari ciampiani", organizzati su sollecitazione di Giuliano Amato,  che si chiuderanno ad ottobre 2020, a Pisa.

Le relazioni dell'incontro sono state tenute da Ignazio Visco, Pierluigi Ciocca, Salvatore Rossi .

Il Governatore Ignazio Visco, presentando la relazione  scritta con Marco Magnani, dal titolo "Il servizio di Ciampi in Banca D'Italia", lo ha ricordato come  "un punto di riferimento essenziale per la Banca D'Italia, colui che ha incarnato il valore dell'indipendenza dell'Istituto".

Le successive relazioni hanno ripercorso le principali vicende professionali di Ciampi: dalla "Crisi ed il risanamento del Banco Ambrosiano" di Francesco Carbonetti, alla "Politica monetaria e del cambio" dell'ex Direttore Generale, Salvatore Rossi. 

Altri interventi, disponibili sul sito della Banca D'Italia, sono stati quelli del Prof. Rainer Masera "Il Governatore Ciampi e la soluzione del "Caso Ambrosiano": profili internazionali di vigilanza"; quello del Prof. Pierluigi Ciocca "Ciampi e la trasformazione del sistema finanziario"; e quello del Prof. Carlo D'Adda: "Divorzio tra Banca D'Italia e Tesoro: frutto  di una preziosa intesa".